Press "Enter" to skip to content

Note sulla intelligence israeliana

L’Unità 8200 delle Forze di Difesa Israeliane, con la sua vasta esperienza nell’intercettazione, decodifica di segnali e operazioni cibernetiche, svolge un ruolo cruciale nell’ambito della sicurezza nazionale di Israele, specialmente nel contesto del protratto conflitto con la Palestina. Questa unità d’élite, paragonabile alla National Security Agency (NSA) americana per le sue capacità di sorveglianza elettronica e guerra cibernetica, ha dimostrato di essere un attore chiave nel raccogliere informazioni vitali che influenzano le decisioni strategiche e militari di Israele.

Nel corso degli anni, l’Unità 8200 ha accumulato una profonda conoscenza dei sistemi di comunicazione e delle reti informatiche dei suoi avversari, inclusi quelli palestinesi. Questa conoscenza è stata utilizzata non solo per la sicurezza difensiva, ma anche per operazioni offensive volte a neutralizzare minacce prima che possano materializzarsi. In un’era in cui la guerra cibernetica e l’intelligence elettronica giocano ruoli sempre più determinanti nei conflitti moderni, le capacità dell’Unità 8200 sono diventate fondamentali per mantenere un vantaggio strategico.

Il conflitto tra Israele e Palestina, con le sue complesse dinamiche geopolitiche e la continua tensione, richiede una vigilanza costante e un’acuta comprensione delle minacce emergenti. In questo contesto, l’Unità 8200 contribuisce significativamente alla raccolta di intelligence, monitorando le comunicazioni e infiltrandosi nei sistemi nemici per prevenire attacchi e salvaguardare la sicurezza civile e militare di Israele. La capacità di anticipare le mosse degli avversari e di neutralizzare le minacce prima che possano colpire è essenziale in un ambiente così volatili, rendendo l’Unità 8200 un pilastro fondamentale nella difesa israeliana contro le aggressioni e nel continuo sforzo di stabilire un equilibrio di potere nella regione.

In Israele, l’intelligence elettromagnetica è competenza dell’Unità 8200, collegata ad Aman. Fondata nel 1952 come Unità 515 utilizzando equipaggiamenti recuperati dai surplus americani, si trasformò in seguito in Unità 848 (o Unità di allerta centrale), sviluppandosi progressivamente fino ad adottare l’attuale denominazione nel 1976.

Costituita da migliaia di uomini e donne, l’Unità 8200 riunisce i migliori esperti del paese in termini di intercettazione, registrazione e decodifica dei segnali (criptografia). Gli appartenenti all’unità sono addestrati a rilevare, ascoltare, scandagliare e disturbare le comunicazioni nemiche. Essi raccolgono anche informazioni collegandosi ai sistemi telefonici dei paesi arabi per intercettare e registrare le conversazioni. Il compito di questa unità include anche la salvaguardia delle comunicazioni israeliane. Dagli anni ’90, include anche diverse centinaia di hacker incaricati di operare nel campo cibernetico per infiltrarsi nelle reti informatiche nemiche, oltre a proteggere i sistemi civili e militari israeliani. Per questo, può essere paragonata alla National Security Agency (NSA) statunitense, sebbene i suoi mezzi non siano direttamente comparabili. Tuttavia, è considerata una delle migliori agenzie SIGINT al mondo.

Il suo quartier generale si trova a Herzliya, a nord di Tel Aviv. L’unità dispone di varie stazioni di intercettazione sparse sul territorio israeliano: a nord, sulle alture del Golan, sui monti Avital, Bental e Hermon; a ovest, nel deserto del Negev, sulla base di Urim a una trentina di chilometri da Beersheva; infine, dal 1996, possiede anche stazioni di ascolto in Turchia dirette contro la Siria.

Nascoste all’interno di una “riserva naturale e turistica” situata nel cratere del monte Avital, sulle alture del Golan siriano occupato, le stazioni di intercettazione del nord spiano 24 ore su 24 tutti i segnali emessi in Siria e in Libano, comprese le comunicazioni telefoniche e via Internet. Questa intensa attività di spionaggio è celata all’interno del kibbutz di Merom Golan, fondato nel 1967 a questo scopo, che ha sviluppato un centro equestre con guest house, un saloon-ristorante in stile Far West e altre attività escursionistiche per fornire una facciata civile alle operazioni militari di spionaggio. I civili di Merom Golan furono evacuati nel panico il primo giorno della guerra del Kippur nel 1973, mentre i riservisti del kibbutz mobilitati sul posto si nascondevano per diversi giorni al culmine dell’attacco siriano. Tutte le attività SIGINT sul Golan sono concentrate in un sistema di gallerie scavate all’interno del monte Avital, una vera e propria colonia con diversi livelli. Qui si riuniscono gli agenti di intelligence e gli hacker dell’esercito israeliano che utilizzano i dati raccolti dalle grandi antenne esterne, elaborandoli e manipolandoli con attrezzature informatiche all’avanguardia. Le informazioni raccolte vengono trasferite al centro di analisi dati a nord di Herzliya, dove le conversazioni intercettate vengono tradotte e inviate al Mossad, alla NSA o ad altre agenzie di intelligence alleate.

All’interno dell’unità, il lavoro è organizzato in diversi ruoli. Oltre ai tecnici, gli analisti-traduttori rivestono un ruolo cruciale: il loro compito non si limita semplicemente a tradurre i testi da una lingua all’altra; devono anche dimostrare discernimento e conoscere a fondo numerosi ambiti di interesse dell’intelligence, al fine di effettuare traduzioni adeguate alle situazioni. In aggiunta, l’Unità Hatzav ha il compito di raccogliere informazioni aperte di natura militare dai media esteri (televisione, radio, stampa e Internet). Secondo alcune fonti, questa unità genererebbe più della metà di tutte le informazioni messe a disposizione della comunità di intelligence israeliana.

Negli ultimi anni, le attività dell’Unità 8200 si sono intensificate nel campo cibernetico con la creazione di un nuovo dipartimento dedicato alla difesa delle infrastrutture tecniche vitali israeliane: sistemi informatici, reti di comunicazione Internet, telefonia mobile e fissa, database, centri di comando e altri sistemi critici che gestiscono infrastrutture industriali, elettriche, nucleari, le comunicazioni dei ministeri e i centri finanziari. Da oltre un decennio, l’Unità 8200 è il segmento delle Forze di Difesa Israeliane (IDF) con il budget più elevato, essendo cruciale per la sicurezza nazionale di Israele.

Uno degli episodi più celebri dell’unità si verificò durante la guerra dei Sei Giorni (giugno 1967), quando intercettò una comunicazione in cui il presidente egiziano Nasser informava il re Hussein di Giordania che l’aviazione egiziana stava bombardando il territorio israeliano. In realtà, la maggior parte degli aerei egiziani era stata distrutta a terra dall’attacco a sorpresa israeliano. Inoltre, Nasser chiedeva al re di dichiarare pubblicamente che gli attacchi subiti dai loro paesi erano opera di forze americane e britanniche, non degli israeliani. Temendo che questa mossa di Nasser mirasse a costringere l’Unione Sovietica ad entrare nel conflitto, il ministro della Difesa israeliano, Moshé Dayan, decise di divulgare la conversazione alla radio pubblica. Di conseguenza, Nasser si trovò in una posizione imbarazzante e i sovietici non poterono utilizzare la presunta presenza di americani e britannici come pretesto per assistere l’alleato egiziano.

Successivamente, l’unità vide un significativo sviluppo, con Aman che decise di potenziare le sue capacità di ascolto nei confronti della Siria e dell’Egitto per rafforzare i suoi sistemi di allerta precoce. Dopo aver preso il controllo delle alture del Golan, gli israeliani costruirono una stazione di ascolto elettronico sulla cima del monte Hermon. Questa stazione, soprannominata “l’occhio di Israele”, permise di intercettare la maggior parte dei segnali emessi dai potenziali avversari in un raggio di centinaia di chilometri. Un impianto simile fu realizzato nel deserto del Sinai, vicino a Um-Hashiba, in una posizione elevata che dominava la regione del canale di Suez. Importanti risorse finanziarie furono destinate all’intelligence elettromagnetica.

Nel periodo precedente la guerra del Kippur, l’Unità 8200 scoprì, grazie alle sue intercettazioni, che l’esercito siriano stava spostando carri armati attrezzati per il posizionamento di ponti verso la linea del fronte, che la 47ª divisione si stava muovendo da Homs verso l’altopiano del Golan e che aerei Sukhoi-17 erano stati dispiegati sugli aeroporti di prima linea. Vent’ore prima dell’inizio del conflitto, l’unità rilevò l’evacuazione dei cittadini sovietici a causa dell’imminente offensiva contro Israele. Purtroppo, queste informazioni di eccezionale importanza ebbero poco impatto sui vertici di Aman, convinti che gli stati arabi non avrebbero attaccato.

Ancora più drammaticamente, il primo giorno della guerra del Kippour, il 6 ottobre 1973, i commando siriani assaltarono la stazione di ascolto del monte Hermon, catturando equipaggiamenti e informazioni di vitale importanza, incluso codici segreti militari, che consentirono loro di intercettare tutte le comunicazioni dell’av iazione israeliana. Furono assistiti da specialisti sovietici nell’analizzare questo tesoro di informazioni. La stazione fu riconquistata solo diciotto giorni più tardi da paracadutisti israeliani, dopo intensi combattimenti. Nel frattempo, il danno era stato fatto. Ancora più grave fu la cattura del tenente Amos Levinberg, un ufficiale dell’Unità 8200 con un’alta autorizzazione di sicurezza e accesso a innumerevoli segreti. Afflitto da una memoria eccezionale ma anche da claustrofobia, i siriani riuscirono a sfruttare questa sua vulnerabilità per fargli rivelare tutto ciò che sapeva, infliggendo un duro colpo all’intelligence israeliana, le cui metodologie e tecnologie furono esposte. I siriani si convinsero di aver reso Israele cieco e sordo per gli anni a venire.

Si sbagliavano. Il 1 aprile 1978, durante lavori di manutenzione su un cavo telefonico che collegava Damasco ad Amman, alcuni operai scoprirono un strano dispositivo attaccato ai cavi di comunicazione. Militari e rappresentanti dei servizi segreti furono immediatamente inviati sul posto, convinti che si trattasse di un altro dispositivo di ascolto israeliano e tentarono di smontarlo. Tuttavia, il dispositivo, truccato, esplose, uccidendo dodici persone. La Siria presentò una denuncia ufficiale contro Israele presso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Man mano, i siriani scoprirono molti altri dispositivi simili. Decisero di non toccarli e chiamarono esperti sovietici del GRU, il servizio di intelligence militare dell’Armata Rossa, che disponeva di attrezzature di bonifica adatte. Nonostante ciò, quattro di loro morirono tentando di disinnescare uno degli ordigni.

Inviato da iPad

Be First to Comment

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Mission News Theme by Compete Themes.